• Adam Stenbock

IL MUSEO DELLA CARTA AD AMALFI

Potrete visitare il Museo della Carta presso un’antica cartiera che risale al XIII secolo.

Farete un magico viaggio nel tempo grazie alla conservazione di secolari macchinari usati appunto per la produzione della carta a mano:


· gli antichi magli in legno che azionati da una ruota idraulica trituravano gli stracci di lino, cotone e canapa che erano stati precedentemente raccolti nelle possenti pile in pietra.

· la macchina Olandese che risale al 1745.

· le presse settecentesche che servivano ad eliminare l’acqua in eccesso dei fogli.

· La macchina continua in tondo.



Quello che rende la visita un’esperienza indimenticabile è che tutte queste macchine, restaurate e rese perfettamente funzionanti, verranno azionate durante la vostra permanenza grazie alla forza ed alla potenza delle acque del Torrente Canneto proprio per darvi la possibilità di rivivere l’esperienza e l’emozione di creare a mano il vostro foglio della pregiata carta di Amalfi.


All’interno del Museo poi troverete un Gift Shop dove potrete ammirare l’intera produzione locale di carta a mano oltre agli accessori per la scrittura e tanti altri prodotti da acquistare.


Inoltre, all’interno della Biblioteca Nicola Milano fu Filippo dedicata all’omonimo cartaro, potrete anche consultare testi di varie epoche storiche che vanno dall’Architettura alla Pittura, dalla Storia del Mezzogiorno a quella di Amalfi, dall’Industria in generale all’ Industria della carta, con una sezione in testi stranieri dedicata alla Storia, Tecnica e Industria della carta.


Per saperne di piu' clicca sul link:

https://www.museodellacarta.it